Facebook

NoaroFB

Quotidiani

Giornali Sportivi

Riviste

  • TES Altre

Interviste

Intervista con lo scrittore Marco Lugli

Intervista con lo scrittore Marco Lugli

«Vide un volto diabolico che la fissava attraverso le palpebre abbassate e che, con un ghigno...

Intervista con Massimo Lanzaro

Intervista con Massimo Lanzaro

«È inammissibile che i disturbi mentali causino ancora condizioni di emarginazione e...

Intervista con Libertango 5tet

Intervista con Libertango 5tet

E’ uscito recentemente “I’LL BE THERE” (TRP Music/Believe Digital), brano del LIBERTANGO 5TET...

Intervista con la cantante e arpista, Giuseppina Ciarla

Intervista con la cantante e arpista, Giuseppina Ciarla

E’ intitolato A Ticket Home, il nuovo album della cantante e arpista Giuseppina Ciarla,...

Intervista con il violinista e compositore, Francesco Del Prete

Intervista con il violinista e compositore, Francesco Del Prete

Prodotto dall’etichetta pugliese Dodicilune, nella collana editoriale Controvento, distribuito in...

Intervista con lo scrittore, Emanuele Zulli

Intervista con lo scrittore, Emanuele Zulli

Si descriva con tre aggettivi. Sognatore, curioso, sensibile.   Quando ha capito di...

Intervista con lo scrittore, Luca Leone

Intervista con lo scrittore, Luca Leone

Si descriva con tre aggettivi. Pigro, meteoropatico e sognatore.   Quando ha capito di...

Intervista con Ester Cesile

Intervista con Ester Cesile

E’ disponibile su tutte le piattaforme digitali “Ocean Drive”, il nuovo singolo, dal sound...

Intervista con Sergio Andrei

Intervista con Sergio Andrei

E' disponibile su tutte le piattaforme digitali “Brava che sei”, il secondo capitolo musicale del...

Intervista con LACERO

Intervista con LACERO

Siamo in piena prima pandemia e dopo aver prodotto rispettivamente "Colpo d'occhio" e...

Intervista con Gli Impossibili

Intervista con Gli Impossibili

Giunti al settimo album gli Impossibili sono tornati al punk rock spensierato degli esordi con un...

Intervista con Kevin Peci

Intervista con Kevin Peci

“Quel che di vero c’è”, è il nuovo singolo di Kevin Peci. Un brano dal sound internazionale che...

Intervista con Joe Debono

Intervista con Joe Debono

E’ disponibile su tutte le piattaforme digitali e in copia fisica da venerdì 28 maggio 2021,...

Intervista con Frozen Farmer

Intervista con Frozen Farmer

 Dopo un lungo periodo dedicato all'attività live e alla composizione di nuovi brani, la...

Intervista con La Monarchia

Intervista con La Monarchia

E’ uscito il 7 maggio in radio e su tutte le piattaforme digitali, “Ossa” è il nuovo singolo de...

Intervista con il sassofonista Vittorio Cuculo

Intervista con il sassofonista Vittorio Cuculo

S’intitola Ensemble, il nuovo disco firmato Vittorio Cuculo Quartet Incontra i Sassofoni della...

Intervista con i Parabola

Intervista con i Parabola

E’ disponibile su tutte le piattaforme digitali “Difendi”, il nuovo singolo della band milanese...

Due chiacchere con Marco  Merli , Frontman e musicista di Scala H

Due chiacchere con Marco Merli , Frontman e musicista di Scala H

- Ciao Marco , fino a 3 anni fa , se ti avessero detto che avresti pubblicato on line , in un...

Nuova intervista con Franca Barone

Nuova intervista con Franca Barone

Disponibile su tutte le piattaforme digitali e in copia fisica da venerdì 16 aprile 2021,...

Intervista a Ianez

Intervista a Ianez

“Minerva”, il nuovo singolo di Ianez (prodotto da Fabio Tumini per Satellite Records) è...

Intervista con Mavì

Intervista con Mavì

E’ disponibile “NOIRE” (Cantieri Sonori), il nuovo singolo di MAVÌ. “NOIRE”, brano d’esordio di...

Intervista con Meazza

Intervista con Meazza

Da Marzo é in radio, su tutte le piattaforme digitali e su YouTube con il videoclip, “Le parti...

Intervista con il cantautore Mauro Tummolo

Intervista con il cantautore Mauro Tummolo

E’ disponibile su tutte le piattaforme digitali “Io ti conosco da sempre”, il nuovo singolo del...

Intervista con BF Project

Intervista con BF Project

Già disponibile su tutte le piattaforme digitali e in copia fisica, Smoothly è il nuovo disco...

Intervista con Silvia Donati

Intervista con Silvia Donati

Vortice è il nuovo album, prodotto dall’etichetta Irma Records, firmato Silvia Donati & Nova...

Intervista con Stefano Dentone

Intervista con Stefano Dentone

Undici canzoni originali scritte in italiano ed in inglese, questo è Aut/Out, il nuovo album di...

Intervista con Mafalda Minnozzi

Intervista con Mafalda Minnozzi

E’ uscito su tutte le piattaforme digitali da venerdì 5 febbraio 2021, Sensorial – Portraits in...

Intervista con Diego Nicolosi

Intervista con Diego Nicolosi

E’ disponibile su tutte le piattaforme digitali “Il capitale della mia poesia”, il nuovo singolo...

Intervista con il cantautore Riccardo Morganti

Intervista con il cantautore Riccardo Morganti

Una canzone spontanea, scritta tutta d’un fiato con un testo profondo che arriva dritto al cuore....

Intervista con Benedetta Raina

Intervista con Benedetta Raina

“CANZONI D’AMORE” (Noize Hills Records), è il nuovo brano di BENEDETTA RAINA, una cantautrice...

Intervista con Urban Fabula

Intervista con Urban Fabula

Movin’ è il nuovo album prodotto dall’etichetta TRP Music firmato Urban Fabula, formazione...

Intervista con Carlo Mey Famularo

Intervista con Carlo Mey Famularo

È online il video di “DONNA NERA” (Cieffe Label/Soundrop), il nuovo brano del cantautore...

 Intervista con Sabrina Di Monda

Intervista con Sabrina Di Monda

"Scugnizza Africana", è una canzone carica di energia che racconta un viaggio interiore ed allo...

Intervista con AMPLIFIRE

Intervista con AMPLIFIRE

Questo album scava: è una macchina del tempo, un excursus su eventi già accaduti, dei quali si...

Intervista con Marquez

Intervista con Marquez

Prologo. Campo largo. La terra tremante guarda le proprie rovine attraverso la lente opaca del...

Intervista con Banda POPolare dell'Emilia Rossa

Intervista con Banda POPolare dell'Emilia Rossa

"La Goccia e la Tempesta" ed è dedicato al partigiano Lorenzo "Orso" Orsetti caduto in Rojava...

Nuova intervista con Enrico de Angelis

Nuova intervista con Enrico de Angelis

E’ prevista per il 14 novembre l’uscita  del volume, “COLTIVO UNA ROSA BIANCA -...

Intervista con i Giannutri

Intervista con i Giannutri

Dopo l’uscita del primo album “Avventure Tropicali” nel 2018 (autoprodotto e distribuito su tutte...

Intervista con la cantante e compositrice Franca Barone

Intervista con la cantante e compositrice Franca Barone

E’ uscito “Underwater”, il secondo singolo della raffinata cantante e compositrice Franca Barone,...

Nuova intervista con Chiara Ragnini

Nuova intervista con Chiara Ragnini

La cantautrice ligure Chiara Ragnini è uscita nei giorni scorsi con quattro nuove canzoni...

INTERVISTA CON ENTROPIA & VERA DI LECCE

INTERVISTA CON ENTROPIA & VERA DI LECCE

Entropia & Vera di Lecce (ex cantante di Nidi D’arac), in Fragments fanno una impressionante...

Intervista con AB Quartet

Intervista con AB Quartet

Dal 29 agosto è disponibile su tutte le piattaforme di streaming “I BEMOLLI SONO BLU”, nuovo...

Intervista con LaRizzo

Intervista con LaRizzo

Attraverso “Fogli che raccontano”, LaRizzo, descrive il suo percorso artistico, raccogliendo i...

Intervista con Alessandro Bertozzi

Intervista con Alessandro Bertozzi

Disponibile su tutte le piattaforme digitali, Trait D’Union è il nuovo capitolo discografico...

Intervista con Sam Onso & The Kiters

Intervista con Sam Onso & The Kiters

Alex Redsea, è un artista di origini libanesi.  Insieme a  Uber Cavalli (basso...

Intervista con Cazale

Intervista con Cazale

Charlie out Cazale, cantante dei Frigidaire Tango e dei Vindicators ma anche produttore (Alice in...

Intervista con Wild

Intervista con Wild

Dal 25 settembre sarà disponibile in rotazione radiofonica e su tutte le piattaforme di streaming...

Intervista con  Mami

Intervista con Mami

E’ uscito in questi giorni “Non voglio stare su Meetic”, il brano d’esordio della cantautrice...

Intervista con Matteo Basso

Intervista con Matteo Basso

Matteo Basso ha scrittoil libro completo della discografia dei Death SS (tra le prime e più...

Intervista con Antonella Bucci

Intervista con Antonella Bucci

Da venerdì 7 agosto in rotazione radiofonica e disponibile sulle piattaforme digitali “L’ESTATE...

  • Intervista con lo scrittore Marco Lugli

    Intervista con lo scrittore Marco Lugli

    Published in Interviste

  • Intervista con Massimo Lanzaro

    Intervista con Massimo Lanzaro

    Published in Interviste

  • Intervista con Libertango 5tet

    Intervista con Libertango 5tet

    Published in Interviste

  • Intervista con la cantante e arpista, Giuseppina Ciarla

    Intervista con la cantante e arpista, Giuseppina Ciarla

    Published in Interviste

  • Intervista con il violinista e compositore, Francesco Del Prete

    Intervista con il violinista e compositore, Francesco Del Prete

    Published in Interviste

  • Intervista con lo scrittore, Emanuele Zulli

    Intervista con lo scrittore, Emanuele Zulli

    Published in Interviste

  • Intervista con lo scrittore, Luca Leone

    Intervista con lo scrittore, Luca Leone

    Published in Interviste

  • Intervista con Ester Cesile

    Intervista con Ester Cesile

    Published in Interviste

  • Intervista con Sergio Andrei

    Intervista con Sergio Andrei

    Published in Interviste

  • Intervista con LACERO

    Intervista con LACERO

    Published in Interviste

  • Intervista con Gli Impossibili

    Intervista con Gli Impossibili

    Published in Interviste

  • Intervista con Kevin Peci

    Intervista con Kevin Peci

    Published in Interviste

  • Intervista con Joe Debono

    Intervista con Joe Debono

    Published in Interviste

  • Intervista con Frozen Farmer

    Intervista con Frozen Farmer

    Published in Interviste

  • Intervista con La Monarchia

    Intervista con La Monarchia

    Published in Interviste

  • Intervista con il sassofonista Vittorio Cuculo

    Intervista con il sassofonista Vittorio Cuculo

    Published in Interviste

  • Intervista con i Parabola

    Intervista con i Parabola

    Published in Interviste

  • Due chiacchere con Marco  Merli , Frontman e musicista di Scala H

    Due chiacchere con Marco Merli , Frontman e musicista di Scala H

    Published in Interviste

  • Nuova intervista con Franca Barone

    Nuova intervista con Franca Barone

    Published in Interviste

  • Intervista a Ianez

    Intervista a Ianez

    Published in Interviste

  • Intervista con Mavì

    Intervista con Mavì

    Published in Interviste

  • Intervista con Meazza

    Intervista con Meazza

    Published in Interviste

  • Intervista con il cantautore Mauro Tummolo

    Intervista con il cantautore Mauro Tummolo

    Published in Interviste

  • Intervista con BF Project

    Intervista con BF Project

    Published in Interviste

  • Intervista con Silvia Donati

    Intervista con Silvia Donati

    Published in Interviste

  • Intervista con Stefano Dentone

    Intervista con Stefano Dentone

    Published in Interviste

  • Intervista con Mafalda Minnozzi

    Intervista con Mafalda Minnozzi

    Published in Interviste

  • Intervista con Diego Nicolosi

    Intervista con Diego Nicolosi

    Published in Interviste

  • Intervista con il cantautore Riccardo Morganti

    Intervista con il cantautore Riccardo Morganti

    Published in Interviste

  • Intervista con Benedetta Raina

    Intervista con Benedetta Raina

    Published in Interviste

  • Intervista con Urban Fabula

    Intervista con Urban Fabula

    Published in Interviste

  • Intervista con Carlo Mey Famularo

    Intervista con Carlo Mey Famularo

    Published in Interviste

  •  Intervista con Sabrina Di Monda

    Intervista con Sabrina Di Monda

    Published in Interviste

  • Intervista con AMPLIFIRE

    Intervista con AMPLIFIRE

    Published in Interviste

  • Intervista con Marquez

    Intervista con Marquez

    Published in Interviste

  • Intervista con Banda POPolare dell'Emilia Rossa

    Intervista con Banda POPolare dell'Emilia Rossa

    Published in Interviste

  • Nuova intervista con Enrico de Angelis

    Nuova intervista con Enrico de Angelis

    Published in Interviste

  • Intervista con i Giannutri

    Intervista con i Giannutri

    Published in Interviste

  • Intervista con la cantante e compositrice Franca Barone

    Intervista con la cantante e compositrice Franca Barone

    Published in Interviste

  • Nuova intervista con Chiara Ragnini

    Nuova intervista con Chiara Ragnini

    Published in Interviste

  • INTERVISTA CON ENTROPIA & VERA DI LECCE

    INTERVISTA CON ENTROPIA & VERA DI LECCE

    Published in Interviste

  • Intervista con AB Quartet

    Intervista con AB Quartet

    Published in Interviste

  • Intervista con LaRizzo

    Intervista con LaRizzo

    Published in Interviste

  • Intervista con Alessandro Bertozzi

    Intervista con Alessandro Bertozzi

    Published in Interviste

  • Intervista con Sam Onso & The Kiters

    Intervista con Sam Onso & The Kiters

    Published in Interviste

  • Intervista con Cazale

    Intervista con Cazale

    Published in Interviste

  • Intervista con Wild

    Intervista con Wild

    Published in Interviste

  • Intervista con  Mami

    Intervista con Mami

    Published in Interviste

  • Intervista con Matteo Basso

    Intervista con Matteo Basso

    Published in Interviste

  • Intervista con Antonella Bucci

    Intervista con Antonella Bucci

    Published in Interviste

Intervista con Rosario Bonaccorso

Uscito per Jando Music / Via Veneto Jazz, disponibile sulle principali piattaforme digitali e in copia fisica, A Beautiful Story è il nuovo progetto discografico realizzato da uno fra i più apprezzati e autorevoli contrabbassisti jazz e compositori italiani: Rosario Bonaccorso. Il musicista di origine sicula ha scelto ad hoc tre fulgidi talenti del panorama jazzistico nazionale per questo suo lavoro: Dino Rubino al flicorno, Enrico Zanisi al pianoforte e Alessandro Paternesi alla batteria. Ecco l’intervista gentilmente rilasciata dall’artista…

E’ uscito il tuo album, “A beautiful story”. Un disco che segue una trilogia dedicata al viaggio… Una pagina totalmente nuova, quindi?
Si, mi piace pensare che ogni cd è una pagina nuova ed ogni pagina è una pagina necessaria. Come giustamente citi nella domanda, nei precedenti tre cd ho portato in musica il mio Viaggio nella vita, esplorandone tre diversi aspetti, ho registrato i “Ricordi del Viaggio” nel cd Travel Notes, il “viaggio dentro me stesso” nel cd In Cammino e per ultimo il “viaggio nei luoghi del mondo e nei luoghi dell’Anima” col cd Viaggiando .. è stata una bellissima avventura. Nel 2017 col nuovo album A beautiful Story sono entrato nel territorio delle emozioni, una terra affascinante e piena di frutti. Tutti i dodici brani del cd hanno un forte riferimento emotivo e li raccolti sotto questo titolo evocativo per fissare ricordi e momenti speciali, che voglio condividere con chi ascolta la mia musica.

Sono tante e prestigiose collaborazioni presenti nei tuoi album. Segno che, nel corso degli anni, tanti artisti hanno iniziato ad apprezzare il tuo lavoro?
Da oltre trentacinque anni ho vissuto e creduto nella musica jazz. Vivere facendo solo il concertista di jazz non è facile, specialmente all’inizio del percorso (non insegno musica e non faccio altri lavori) ma con grande impegno sono riuscito a costruirmi una carriera di rispetto e ci sono riuscito proprio perchè tanti artisti hanno sempre apprezzato il mio lavoro. Fino ai cinquanta anni di età mi sono dedicato a suonare nei gruppi degli altri, in gergo si dice “fare il sideman”, in alcuni casi era una collaborazione di poche settimane collegata ad un tour o ad una incisione, in altre situazioni era come vivere in una famiglia, ho fatto parte di band che sono rimaste insieme anche molti anni, vedi con Stefano Di Battista per ben dieci anni o come con Enrico Rava, per otto anni. In questi miei 35 anni di attività ho inciso oltre settanta cd per prestigiose etichette discografiche ECM, Blue Note, Jando Music, PDR, Verve,CAM al fianco di importanti artisti italiani e d' oltreoceano, da Enrico Rava a Stefano Di Battista, da Roberto Gatto a Stefano Bollani e molti altri ancora, ho avuto modo di registrare con leggende del jazz come Elvin Jones o Kenny Barron o Claude Nougarò…e poi le collaborazioni nei concerti e nei tour, dove ho avuto la fortuna di suonare con personaggi come Pat Metheny, Michael Brecker, Joe Lovano, Billy Cobham, Clark Terry e molti altri.
Quando poi, dal 2008 mi sono presentato al pubblico come Band-leader e ho cominciato a registrare le mie composizioni (che tenevo nel cassetto già da tempo) era arrivato il momento giusto per chiamare al mio fianco molti di quegli artisti con cui avevo già condiviso lunghi percorsi musicali; ecco perchè nei cinque cd usciti a mio nome dal 2009 si possono ascoltare Andrea Pozza, Stefano Di Battista, Fabrizio Bosso, Andy Gravish, Nicola Angelucci, Javier Girotto , Roberto Taufic… Per questo ultimo album uscito nel gennaio del 2017 “A Beautiful Story”, ho rivolto l’ attenzione ad alcuni giovani volti del firmamento jazz italiano e penso di aver trovato tre dei migliori esponenti. Con Dino Rubino (flicorno), Enrico Zanisi (piano)ed Alessandro Paternesi (batteria) è intesa pura e divertimento musicale assicurato, suonano magnificamente e sono perfetti per la mia musica. Fra l’altro ho scoperto un altro lato positivo del tempo che passa, arrivati alla mia età è bello cominciare a supportare nel loro cammino giovani e bravi musicisti, così come altri artisti avevano fatto con me trenta anni fa.

La tua passione per la musica è qualcosa che parte da molto lontano?
Si, è una storia che nasce all’età di sedici anni. Ho cominciato a suonare il basso elettrico da autodidatta, come molti musicisti della mia generazione e i miei idoli del tempo erano i Led Zeppelin, Genesis, King Krimson, PFM, quei gruppi che ora chiamiamo Progressive Rock Band. A quei tempi, negli anni settanta, era la musica che ascoltavamo noi giovani, perchè era il nuovo stimolante linguaggio musicale. Dopo il servizio militare mi sono appassionato al jazz ed il contrabbasso da quel momento è stato il protagonista del mio percorso di scoperta senza limiti nella musica. Mi sono dedicato totalmente al jazz, volevo viverlo in pieno e scoprirne i linguaggi, erano tanti, ma mi sembrava giusto conoscerli tutti e mi sono immerso nella vita del musicista di jazz. Queste esperienze di studio, pratica e di ascolto sono state la mia unica scuola, quella principale, ho cercato di suonare tantissimo, dal jazz della tradizione, al jazz contemporaneo, con centinaia di artisti. Questa è una esperienza che dovremmo offrire a tutti i giovani che si affacciano al mondo del jazz, perchè solo dopo aver assimilato tutto quel che puoi, finalmente riesci ad esprimere il tuo pensiero in modo appropriato e contemporaneo.

C’è un filo comune che lega le canzoni del nuovo album?
Certo, sono tutte .. Beautiful Stories (belle storie) che ho vissuto nel tempo, sono legate a momenti che mi hanno emozionato e rappresentano attimi speciali di vita, storie “magiche” che mi hanno ispirato le melodie contenute nel cd. Alcune di queste mi hanno toccato profondamente nell’intimo, mi hanno segnato nel bene e nel male, perchè alcune hanno provocato difficili scelte di vita, diverse da quelle che pensavo di fare, portandomi però alla fine ad essere me stesso e l’uomo che sono.



L’impressione è che uno dei problemi della musica odierna stia nel fatto che molti artisti vogliono bruciare le tappe. Sarebbe invece bene che il successo arrivasse passo dopo passo, all’insegna della giusta esperienza?
Concordo in pieno, come scrivevo prima, penso che il tempo, l’applicazione, l’esperienza e molto altro creino e completino la storia di un artista. Andare in fretta non fa sempre bene. Permettimi quindi una metafora, credo che il fiume debba arrivare al mare seguendo il giusto percorso, il giusto tempo, quello che la natura gli ha assegnato, ma … quando gli costruiamo argini perchè lo forziamo in direzioni diverse o ancor peggio vogliamo che scorra più velocemente, molte volte il risultato non è buono...

La scuola cosa può fare per il mondo della formazione musicale e per insegnare magari il rispetto verso chi svolge l’attività artistica musicale?
La scuola in senso generale può fare molto, ma la mia risposta alla tua domanda è:
solo la nostra scelta di dove collocare la musica nella società può insegnare il rispetto della stessa. Osservo con attenzione quello che succede in Italia e a mio parere, parlando del settore jazz, che conosco bene, l’Italia avrebbe molto da imparare dai nostri cugini francesi, ecco la mia esperienza...
nei dieci anni (1998-2008) in cui ho praticamente vissuto a Parigi ed in Francia, per via del grande successo avuto dalla band di Di Battista e per via delle continue collaborazioni con artisti francesi, la cosa che più mi stupiva positivamente era di incontrare ai concerti jazz in Teatro, nelle rassegne, nei jazz club, tantissimi giovani! Si, giovani dai 15 ai 25 anni, un Target di pubblico che in Italia è raro incontrare. Questo perchè in Francia il Jazz è un bene culturale salvaguardato dallo Stato, sponsorizzato dallo Stato, in cui investe e in cui si confronta come patrimonio musicale. Si parla di jazz sempre e ovunque, lo conoscono e lo amino i giovani già dai primi anni di scuola, e fammi fare una battuta, molti anziani sanno che Sidney Bechet suonava jazz e non è una marca di cioccolatini. Nella sola Parigi mi pare ci siano venti stazioni Radio che trasmettono jazz a tutte le ore, in tv si possono gustare concerti jazz in orari “giornalieri” senza aspettare orari da “panettieri” , ma soprattutto, ed ora arriva la cosa importante riguardo al “rispetto”, esistono tutele sociali per gli artisti, che sono protetti e salvaguardati socialmente come una parte attiva della produttiva Francia… ultimo ma non ultimo, le persone parlano dei musicisti con apprezzamento per il loro ruolo nella società, con ammirazione, rispetto e gratitudine… non credo che si debba aggiungere altro.

Quando lavori ad un nuovo brano sei piuttosto autocritico?
Sono un istintivo nella creazione compositiva e mi piace essere critico nella realizzazione pratica del progetto; mi spiego meglio, quando ho in testa una idea musicale, dopo averla “catturata” e fissata nei punti chiave, già me la immagino come brano finito, (lascio fuori la parte improvvisativa), ma lavoro al mood generale che voglio dare al nuovo brano. E così, dal momento in cui entro in studio o sul palcoscenico, incito i miei collaboratori con spunti interpretativi per realizzare insieme a loro quello che nella mia testa ha già una forma. Quando sono contento della forma comincio a prestare attenzione alla freschezza improvvisativa della band per coglierne la bellezza e qui entra in gioco il senso critico e autocritico. Altra cosa importante, in studio evito di ripetere troppe volte i brani, perchè si rischia di perdere inventiva. Per fortuna molte volte capita, come in questo ultimo cd, di dire: buona la prima!

Come pensi si sia evoluta la figura del compositore nel corso degli anni?
Osservando la storia degli ultimi cento anni di musica, ma concentrandomi nel campo d’azione più vicino alle mie corde, cioè quello del jazz e della musica moderna, è indubbio che per i compositori contemporanei si sono aperte nuove strade rispetto ai colleghi del primo‘900. Pensiamo solo alla musica da film che a partire dagli anni trenta del secolo scorso è diventata un business immenso, o la musica per il Teatro, per la pubblicità, per la televisione. Per accontentare le richieste gli ultimi anni di storia ci hanno fatto scoprire nel mondo migliaia di compositori, molti di loro hanno saputo ritagliarsi ad Hoc un posto di rilievo, riuscendo a creare la propria firma con nuovi stili e nuove forme. Innovandosi e rinnovandosi continuamente sono riusciti a creare un linguaggio dove convivono la musica classica e la musica jazz, il pop, la musica etno, in una contaminazione di stili e generi che quando è basata sulla alta qualità dei compositori , degli arrangiatori e infine degli esecutori fa bene alla musica. E alla fine, come 400 anni fa … dopo aver ascoltato solo poche note, di alcuni di loro riusciamo a riconoscere il tratto artistico e la propria identità musicale.



Oggi si parla tanto dei talent… Credi siano utili ad un giovane artista, per farsi conoscere?
Immagino che ti riferisca ai Talent Show che riempiono i palinsesti delle Tv , ti confesso che non li seguo e non li ho mai seguiti, forse mi son perso qualcosa? :)
E’ scontato dire che apparire in televisione ti fa conoscere subito dal grande pubblico (della televisione) ed è risaputo che comparire in TV in modo continuativo, come succede a questi ragazzi, è sicuramente lo strumento più veloce per aumentare in modo esponenziale la propria immagine a livello popolare. Ho solo il dubbio che molte volte l'artista che è dentro il talento di turno, per via dell’età e della poca esperienza musicale, non sia ancora in grado di reggere il colpo del successo, cioè quello di essere “lanciato” sul mercato in fretta, questo a mio parere è il lato negativo, perchè si creano dei personaggi che non hanno avuto modo di maturare musicalmente e pensano che sia normale arrivare al successo in fretta. Ho conosciuto alcune persone che hanno vissuto l’esperienza del Talent show, ebbene parlavano come se fossero già arrivati sulla cima della loro carriera, beh.. sentire certe cose da un giovane di 20 anni mi ha fatto effetto, parlavano con me solo di business, ma mai di… musica… che dire? ai posteri l’amara sentenza! Comunque, in cuor mio spero che questi giovani Talenti, quando si saranno i grandi riflettori mediatici puntati su di loro, continuino ad amare la musica e soprattutto tornino ad imparare per migliorare, perchè in musica non si finisce mai di apprendere.

C’è un momento della giornata in cui più facilmente arriva l’ispirazione?
Per me quel che conta è prendere tempo per se stessi durante la giornata, questo è molto importante sotto l'aspetto compositivo. Penso che l'ispirazione arrivi solo quando sei in contatto con te stesso e con il tuo strumento, quando si è l'uno per l'altro scatta qualcosa, quel qualcosa che bisogna essere in grado di prendere, al volo! Tutto questo può succedere in ogni luogo ed in ogni momento, alle sei del mattino, dopo il pranzo o alle 11 di sera, perchè è lei, la signora ispirazione che decide quando arrivare, dobbiamo solo preparare le condizioni per catturarla.

La crisi economica sta impattando in qualche modo, anche verso il mondo della musica?
Caro Andrea, più che dire in qualche modo, dico in modo diretto e concreto. C'è una grande sofferenza nell'ambiente musicale ed in particolare nel mondo della musica jazz.
Ai primi spauracchi di crisi i primi a soffrirne sono sempre stati i musicisti ed il loro ambiente, i primi ad essere tagliati sono sempre stati i contributi per lo spettacolo, purtroppo questo è un lato debole del meccanismo sociale italiano, dove la cultura (parlo della musica jazz in particolare) non rappresenta un importate baluardo della dignità umana nonchè notevole creatrice di indotti economici importanti, ma è vista solo come un qualcosa in più, quasi come un diversivo. Quella di far patire la cultura e di fargli pagare il prezzo della crisi è purtroppo una scelta politica, una scelta che speriamo cambi presto perchè bisogna creare strategie di salvataggio, prima che sia troppo tardi. Negli ultimi dieci anni osserviamo lo sfaldamento di centinaia di piccole e medie rassegne musicali di jazz che creavano un notevole interesse culturale, diffondevano buona musica e vivevano grazie a piccoli contributi statali, che ora sono stati ridotti a zero e nonostane l'impegno forte e costante degli operatori che ci credevano, hanno duvuto chiudere. Dovremmo anche citare la crisi del settore discografico, cominciata almeno quindici anni fa, quando hanno preso il sopravvento i primi presagi della “musica liquida” e le vendite dei cd fisici sono crollate.
Il mercato quindi è in grave crisi e si continuano a fare dischi augurandosi di riuscire a recuperare almeno i costi di produzione. Il lato positivo della crisi è che, grazie a qualche
“Dea della musica”, sono usciti alla ribalta produttori e discografici che lottano per mantenere alto il livello qualitativo dei progetti artistici, alimentando uno “zoccolo duro” di appassionati che continua a sperare in tempi migliori, ma soprattutto creando speranze per i giovani artisti. Approfitto di questo tema per menzionare il mio produttore Giandomenico Ciaramella della Jando Music e Matteo Pagano della Via Veneto Jazz, il loro lavoro è segno di dedizione e grande amore per la musica.

Un brano finisce per essere influenzato dal luogo in cui è nato? Ad esempio, se in un contesto metropolitano oppure in uno provinciale?
Credo che ogni brano abbia una sua storia compositiva, una vita propria, è un embrione vitale e fin da quando cominci a scriverlo senti che si sviluppa, momento dopo momento, giorno dopo giorno, fino a diventare adulto, da quel momento, quando viene preso in mano dai musicisti ricomincia a cambiare e a modificarsi di nuovo. Ancora adesso, dopo tanti anni di musica, trovo che sia un avvenimento fantastico, nel jazz questo avviene da sempre e continuerà, senza fine.
Per quanto mi riguarda, ho scritto, o forse è meglio dire composto e poi trascritto sulla partitura oltre duecento brani e tutti nei luoghi più vari, da una coda in autostrada dove sono rimasto bloccato cinque ore, all'ombra di un albero nel giardino di casa mia in Austria, oppure appena sveglio, dopo un sogno in cui seguivo in mare una Balena, o ancora in un grattacielo di Tokyo, un piccolo hotel di New York, nella cabina di una nave, dopo una cura in un centro medico… i nostri brani sono autonomi e vivono di vita propria, arrivano da soli e diventano quello che siamo noi, dobbiamo catturarli e farli nostri e poi, ascoltandoli potrai conoscere meglio l’animo di chi li scritti.



Il viaggio dona per te forte ispirazione…
Il viaggio è sempre grande ispirazione, esistono scrittori che hanno “partorito” decine e decine di libri sul tema del viaggio; io nel mio piccolo ho inciso tre cd, una trilogia dove mi racconto in viaggio attraverso la musica. Adoro il viaggio perchè è un mettersi in cammino, dentro e fuori dal corpo. Mi piace anche riflettere che si può viaggiare anche stando seduti, ascoltando musica o leggendo un libro e per finire un'altra cosa che amo del viaggio è l'energia dell'insieme che si sviluppa dagli uomini, le storie delle persone che viaggiano insieme; nelle note di copertina del mio cd Viaggiando, uscito nel 2015, scrivevo:
“ .. per me è più importante sapere con chi viaggerei che sapere dove andrai…”

Oggi sembra contare sempre più l’immagine. Quanta importanza riveste per te?
Vorrei far arrivare l’immagine di quel che sono, solo attraverso l’ascolto della mia musica, perchè nella musica c’è tutta la verità della nostra vita, ecco, mi piacerebbe che la mia immagine arrivasse in questo modo.
Ma non è così facile, quando realizzo un nuovo lavoro, devo avere un ufficio stampa, un esperto di media, le pagine facebook, il sito web, un booking agent e così via.
Abbiamo a che fare con tutta una serie di professionisti che sviluppano la nostra immagine ed il marketing, perchè alla fine quel che vogliamo è che i nostri dischi (pochi o tanti che siano) non rimangano negli scaffali dei negozi, ma arrivino nelle case degli appassionati. Tutto questo a volte diventa un percorso tortuoso che allontana dalla semplice verità che citavo prima, il puro rapporto immagine-musica, ma che di questi tempi funziona e che permette di fare conoscere la nostra musica a tutti. Del resto, se avessimo voluto essere eremiti, sicuramente non avremmo scelto il palcoscenico per esprimerci :)

Avere la massima libertà è importante per chi sta realizzando delle canzoni?
Avere libertà è importante a prescindere da qualunque cosa noi si faccia. Il processo compositivo deve essere sempre libero di esprimersi e per fortuna nel nostro mondo occidentale questo concetto è primario e la libertà rappresenta un valore fondamentale su cui si basa lo sviluppo dell’arte, di tutta l’arte. Nel passato sono esistite molte eccezioni, pensiamo al blues rurale che è nato in America in quel momento storico dove i suoi autori-creatori, afflitti dalla schiavitù, di libertà non ne avevano per niente, da questo possiamo riflettere sul fatto che tutto è relativo! Quindi anche non avere libertà crea i presupposti alla creatività. Qualche settimana fa ho visto il bellissimo film documentario realizzato dalla star del violoncello Yo-Yo Ma, ebbene questo lungometraggio rende molto bene l’idea di quanto la “non libertà” vincoli l’espressione degli artisti, questa meravigliosa orchestra creata da Yo-Yo Ma ha permesso di far conoscere in tutto il mondo la sofferenza di tanti artisti e dei paesi dove la musica è…vietata!
I compositori e i musicisti riflettono nella loro arte l’epoca in cui vivono, o potrei anche dire che la società si riflette in loro, pensiamo al jazz e alla frenesia ritmica del be-bop e al meraviglioso caos organizzato del free jazz, che ben rappresentano le società e il fermento del loro tempo, gli anni ’40 e gli anni ’60 in America. Noi siamo fortunati a esser nati e a vivere nella nostra bella Europa, ora abbiamo il dovere di usare la nostra libertà per fare in modo che la musica sia sempre “libera” da possibili condizionamenti, questa è una “condizione” che dobbiamo rispettare per avere un futuro come artisti.

  • Ricerca Agenti